Posts Tagged “strategie”

“Adolescenti, genitori: compagni di viaggio” – 7 febbraio 09

ITIS V. Volterra, San Donà di Piave, 7 febbraio 2009, intervento di Rita Giannetti , incontro ” Adolescenti, genitori: compagni di viaggio”.

Materiale conferenza.

Comments Commenti disabilitati

IIlustrazione grafica di Rick Nease, le due parti del cervello: a destra la creatività e a sinistra la logica. ©BELGA_MAXPPP_Rick Nease

La creatività è il motore dell’innovazione, è il fattore chiave dello sviluppo di competenze personali, professionali, imprenditoriali e sociali nonché del benessere di tutti gli individui nella società. Non a caso i più grandi creativi sono stati prima di tutto dei veri innovatori. L’Europa, quest’anno, ha deciso di rafforzare la sua capacità di creazione e innovazione attraverso una strategia basata, tra le altre cose, sull’apprendimento permanente.

Obiettivi e strategie per il 2009

L’obiettivo specifico dell’Anno europeo della creatività e dell’innovazione consiste nel mettere in evidenza i fattori che possono contribuire a stimolare la capacità creativa e d’innovazione. I giovani in particolare sono il fulcro di questa strategia. Il loro talento e la loro creatività saranno valorizzati in tutti i settori e questo fin dalla tenera età, anche in attività pre-scolastiche.

Le misure che saranno adottate per conseguire gli obiettivi prefissati comprendono tutta una serie d’iniziative quali conferenze, campagne d’informazione e di promozione, esempi di buone pratiche e realizzazioni d’indagini su scala comunitaria o nazionale.

Per ulteriori informazioni :
Sito web dedicato all’Anno europeo della creatività e dell’innovazione (in inglese)
Risoluzione legislativa sull’Anno europeo della creatività e dell’innovazione

Comments Commenti disabilitati

Cara R.U.E. – Risorse Umane Europa,

desidero informarLa che pochi giorni fa si è concluso il procedimento di conferimento del mio nuovo incarico di Segretario Generale presso il Ministero dell’Ambiente, che mi appresto a svolgere necessariamente a tempo pieno.

Ciò mi ha portato a dover cessare definitivamente le mie funzioni di Direttore dell’UNAR; la qual cosa mi è costata davvero tanto perché sin dal momento della sua istituzione – nel novembre 2004 – ho creduto moltissimo nel lavoro di ausilio e di garanzia nei confronti delle vittime della discriminazione.

Ho visto nascere l’Ufficio nella sua fase di start-up e ho contribuito in quattro anni ad accompagnarne la crescita.

Ora, seppur fra tante difficoltà, vedo che l’UNAR è in grado di camminare da solo, ma so pure che tanta strada è ancora da fare e spero sinceramente che la Sua Associazione possa continuare a supportarlo nella realizzazione degli importanti obiettivi che abbiamo in comune: prima di tutto quello di realizzare una società con meno discriminazioni e più opportunità per tutti.

Non è solo per compiacimento personale, ma anche per ringraziare tutti coloro con cui ho lavorato (ed anche la Sua Associazione!) che mi pregio di inviarle copia delle ultime due Relazioni al Parlamento e al Governo, che sintetizzano il lavoro svolto e le tante iniziative realizzate, talvolta in sottotono e con poche risorse a disposizione.

Il lavoro da fare è ancora tanto. Ne siamo tutti consapevoli.

I recenti e preoccupanti accadimenti di Milano e di Castevolturno, purtroppo, stanno drammaticamente a dimostrarlo.

Confido che entro la fine anno il Capo del Dipartimento, prof.ssa Rauti (che in questi giorni ha assunto l’interim della Direzione) possa individuare una figura di elevata qualficazione cui affidare la direzione che sappia farsi interprete delle strategie necessarie al raggiungimento del sacrosanto principio di parità.

La prego di tenermi informato delle iniziative della Sua associazione (userò ancora anche questa mail) che continuerò a seguire per mio interesse personale.

Cordiali saluti e grazie ancora del percorso fatto insieme!

cons. Marco De Giorgi

UNAR rapporto 2007

Relazione UNAR 2007 al Parlamento

Comments Commenti disabilitati

Oggetto: Realizzazione progetto “Uguali e diversi da me” parte seconda – Azioni di informazione e di approfondimento in merito alla formazione per prevenire i fenomeni di segregazione e marginalizzazione urbana della popolazione straniera immigrata.

Il Comune di Udine realizza la prosecuzione del progetto di formazione “Uguali e diversi da me” con l’attuazione della seconda parte, formata da azioni di informazione e di approfondimento per prevenire i fenomeni di segregazione e marginalizzazione urbana della popolazione straniera immigrata.

Il Comune di Udine è l’ente titolare del progetto e la gestione dello stesso è affidata all’Associazione RUE – Risorse Umane Europa di Udine, in accordo con la Direzione degli Uffici, Servizi ed Enti pubblici destinatari dell’intervento formativo che individueranno i fruitori delle azioni in – formative.

Compito dell’Associazione RUE – Risorse Umane Europa è la progettazione e gestione delle azioni informative e formative secondo strategie di valorizzazione delle differenze nei diversi ambiti pubblici del territorio, sulla base delle indicazioni fornite dal Comune di Udine per una continuazione di approfondimento in relazione a:

- discriminazione diretta, che si materializza in una serie di effetti e lo scopo di conseguire la distruzione o la limitazione nell’esercizio di diritti inviolabili: analisi di studi di caso proposti dagli operatori dei Servizi partecipanti all’iniziativa ( Ente Locale, INPS, INAIL, Azienda Municipale Trasporti, Scuola, Azienda sanitaria )

- indiretta, nella quale vi è l’effetto dell’azione, ma non uno scopo palese: analisi di studi di caso proposti dagli operatori dei Servizi partecipanti all’ iniziativa.

Affiancheranno questi momenti formativi alcuni interventi sul tema “Diritti umani”, aperti sia agli operatori degli Uffici, Servizi ed Enti pubblici interessati che agli immigrati che operano all’interno delle Associazioni del territorio.

Il calendario delle azioni in – formative, che si terranno presso l’aula magna dell’ Educandato Uccellis di Udine , via G. da Udine n.20, dalle ore 15.00 alle 18.00, è il seguente:

mercoledi 22 ottobre 2008

giovedi 13 novembre 2008

mercoledi 26 novembre 2008

giovedi 4 dicembre 2008.

Il primo asse formativo dei laboratori è centrato sulla presentazione della normativa europea e nazionale in materia, a cura di avvocati dell ‘ Unione Forense per la tutela dei diritti dell’ uomo.

Il secondo asse è centrato sull’ accompagnamento dell’ operatore nelle relazioni e nelle comunicazioni con utenti di culture diverse.

E’ previsto un quinto incontro tematico, centrato su studi di caso specifici per ciascuno dei diversi comparti di servizio alla persona presenti, la cui data sarà concordata per gennaio 2009.

Materiale di presentazione

Foto(1)
Foto(2)

Segreteria organizzativa:

RUE – Risorse Umane Europa via G.Giusti 5, Udine rue@quipo.it www.risorseumaneuropa.org

Comments Commenti disabilitati

Azioni di informazione e formazione per prevenire i fenomeni di segregazione e marginalizzazione urbana della popolazione straniera immigrata. Incarico a RUE – Ris orse Umane Europa da Comune di Udine , Dipartimento Politiche Sociali, Educative e Culturali – Centro Servizi per Stranieri.

RUE – Risorse Umane Europa progetta e gestisce le azioni formative, da luglio 2008 a gennaio 2009, secondo strategie di valorizzazione delle differenze nei diversi ambiti, pubblici e privati del territorio, sulle base delle indicazioni fornite dal Comune di Udine in relazione a:
1. discriminazione diretta, che si materializza in una serie di effetti e lo scopo di conseguire la distruzione o la limitazione nell’esercizio di diritti inviolabili;
2. indiretta, nella quale vi è l’effetto dell’azione, ma non uno scopo palese.

- osserva e rileva, nel corso degli interventi informativi, le problematiche legate al rapporto fra uguaglianza e diversità nei diversi ambiti, pubblici e privati, del territorio locale;
- confronta le osservazioni e i risultati delle analisi rilevate con analoghe, nazionali ed europee ;
- propone buone prassi di intervento nel territorio locale, nel rispetto dell’applicazione delle politiche di pari opportunità (normativa regionale, nazionale e comunitaria);
- fa conoscere e mantiene aggiornate, attraverso pubblicazioni cartacee, notiziari informativi, pubblicazioni on – line, seminari e un convegno, il maggior numero di informazioni in merito ai diritti – doveri;
- concorda preventivamente con il Comune il rilascio agli organi di informazione (stampa, TV, ecc.) di qualsiasi notizia attinente il progetto.

Disponibili a partecipare alle azioni progettuali Unione Forense per i diritti umani FVG, Nuovi Cittadini onlus, S.Vincenzo Udine.

Comments Commenti disabilitati

Proposta di adesione per 15 Istituti Secondari Superiori della Regione FVG alle
iniziative di formazione e di informazione di RUE – Risorse Umane Europa per il
2007.
Le tematiche sono:
1.“ 1957 – 2007 : ITINERARIO DELL’ INTEGRAZIONE EUROPEA “
2.“ EUROPE AID – cooperazione europea transnazionale “
3.Laboratorio di formazione “ PIANO D PER LA DEMOCRAZIA, IL DIALOGO E
IL DIBATTITO – STRATEGIE DI COMUNICAZIONE SULL’ EUROPA ”
4.Laboratorio di formazione “ EUROREGIONE: GIOVANI, INFORMAZIONE E
IDENTITÀ ECONOMICA NELLA NUOVA EUROPA ” .

Per maggiori informazioni scarica il documento originale

Comments Commenti disabilitati

L’Associazione RUE – Risorse Umane Europa è disponibile alla collaborazione con le Istituzioni secondarie superiori e con i Corsi di Laurea della Regione nella ricerca di risposte all’invito rivolto ai giovani di una “migliore comprensione della diversità del nostro comune patrimonio culturale europeo e dei nostri comuni valori”.
Sono state predisposte tre linee di ricerca-azione:
- “EUROREGIONE: GIOVANI, INFORMAZIONE E IDENTITÀ NELLA NUOVA EUROPA”;
- “PLAN D PER LA DEMOCRAZIA, IL DIALOGO E IL DIBATTITO – STRATEGIE DI COMUNICAZIONE SULL’EUROPA”;
- “1957-2007: ITINERARI DELL’INTEGRAZIONE EUROPEA”.

RICERCA–AZIONE “EUROREGIONE: GIOVANI, INFORMAZIONE E IDENTITÀ NELLA NUOVA EUROPA”.

Contatti organizzativi di RUE: beneficiari diretti delle azioni informative saranno focus group di giovani delle scuole superiori della Regione e delle sedi universitarie di Trieste, Gorizia e Udine.
Il progetto vuole rendere disponibile un approccio multiplo agli obiettivi sopra delineati attraverso un’azione di coinvolgimento di un gruppo o di una classe del Vostro Istituto finalizzato all’acquisizione di conoscenze, capacità e competenze sulla EUROREGIONE, con le seguenti modalità di attuazione durante nel 2006-2007:
primo, interventi di laboratorio (due ore) per approfondire da vicino la conoscenza dell’EUROREGIONE e insieme affrontare i nodi problematici, i dubbi, i motivi di incertezza e di successo legati all’integrazione europea;
secondo, un piano di informazione (due ore) per sperimentare la comunicazione multimediale definendo una lista di dialogo su temi di comune interesse per i giovani e per le istituzioni, per scoprire somiglianze e differenze culturali, confrontare le prospettive immediate e future;
terzo, un piano di produzione di materiale informativo innovativo (due ore) da restituire sia alla pubblica opinione che ai giovani attraverso la realizzazione di prodotti audiovisivi (DVD), trasmissioni radiofoniche (con interviste, talk-show, ecc.) e televisive (documentari, talk show), pagine dedicate al progetto sui siti web delle reti locali.
L’ampliamento della Euroregione (Friuli Venezia Giulia, Veneto, Carinzia, Contea Istriana) sarà seguito da un forte impulso alla creazione di nuove reti informative che favoriscano il contatto e la comunicazione, la diffusione e la condivisione del processo di emersione di nuove cittadinanze, “obiettive” in quanto le identità debbono confrontarsi con le “alterità” e quindi dichiararsi in termini oggettivi.

RICERCA–AZIONE “PLAN D PER LA DEMOCRAZIA, IL DIALOGO E IL DIBATTITO – STRATEGIE DI COMUNICAZIONE SULL’EUROPA”.

Nel corrente anno scolastico 2006/2007 le scuole superiori ed i giovani della Regione saranno coinvolti nel progetto “PLAN D PER LA DEMOCRAZIA, IL DIALOGO E IL DIBATTITO – STRATEGIE DI COMUNICAZIONE SULL’EUROPA”.
Contatti organizzativi con RUE: beneficiari diretti delle azioni informative saranno focus group di giovani delle scuole superiori della Regione e delle sedi universitarie di Trieste, Gorizia e Udine.
È ipotizzabile, a conclusione del progetto, una visita di approfondimento a Bruxelles di un gruppo costituito da due studenti per ciascuna scuola superiore ed università, con la supervisione dell’Ufficio di Collegamento.
RUE intende attuare con detto incarico una forma di partecipazione che consiste in un’azione significativa ed evidente per l’intera comunità locale, regionale, europea: promuovere la partecipazione dei giovani significa quindi enfatizzare le loro competenze autonome nell’azione e creare le condizioni affinché la loro azione sia visibile.
Si utilizzerà questa metodologia in laboratori pensati come gruppi di elaborazione di progetti e di idee degli studenti delle scuole superiori e dell’università “sul futuro dell’Europa.”
La metodologia della progettazione viene associata ad una modalità di coinvolgimento e di gestione del gruppo che prevede relazioni orizzontali tra i membri, un modo democratico ed aperto di affrontare le questioni che si pongono.
La valorizzazione delle opinioni e delle competenze di ognuno, la circolarità della comunicazione è un risultato atteso dai laboratori attraverso la discussione e condivisione tra i membri del gruppo-classe a confronto con le risorse informative del territorio regionale/europeo (ad esempio in video conferenza con Ufficio di Collegamento della Regione FVG a Bruxelles).

RICERCA-AZIONE “1957-2007: ITINERARI DELL’INTEGRAZIONE EUROPEA”.

Il progetto intende individuare e sviluppare alcuni percorsi di massima, comuni ai diversi soggetti partecipanti (Istituzioni, Musei, Scuole) negli scopi e nelle modalità generali, ma tali da rispettare le differenze di ruolo, di interesse e creatività di ciascuno.
“1957–2007 Itinerari dell’integrazione europea”, può definirsi un progetto il cui materiale è in gran parte prodotto dai giovani stessi, che, guidati da professionisti adulti (gli esperti, assistenti e consulenti del progetto), riescono a chiarire a se stessi e mediante un iter operativo, il ventaglio di informazioni e opzioni a disposizione per estrinsecare la loro creatività, offrendone nello stesso tempo, la possibilità di utilizzo da parte di altri giovani
Il progetto intende promuovere rassegne–esposizioni presso i Civici Musei di Trieste e di Gorizia, coinvolti non solo per un eventuale concorso inter scuole, ma anche perché sia oggetto d’integrazione fra vari settori culturali e le nuove tecnologie della comunicazione.
L’integrazione sociale per essere attuata richiede un serio dibattito sui valori fondamentali della nostra società e la diffusione della cultura ne è la base, per cui il progetto: “1957–2007 Itinerari dell’integrazione europea”, si inserisce nella ricerca di forme di espressione che siano comprese da tutti i giovani stimolino l’interesse alla conoscenza della storia dell’integrazione europea con metodi innovativi.
Infatti il programma che RUE proporrà alle scuole coinvolte nel progetto si articolerà intorno a due strumenti principali:
- laboratorio di lettura per valorizzare e riportare all’attenzione degli studenti la lettura di testi, di giornali e dei riviste, intesi non solo come strumento di conoscenza, ma anche come stimolo ad andare oltre alla lettura per approfondire le proprie conoscenze e favorire la discussione con il gruppo dei pari in merito ai temi dell’Unione Europea, in particolare della storia dell’integrazione europea;
- laboratorio di informatica, una sorta di “osservatorio sull’Europa” (sito della Regione FVG, siti nazionali ed europei), per incoraggiare l’instaurarsi di una importante sinergia tra l’uso della carta stampata e quello dei mezzi informatici.
In particolare i contenuti del progetto andranno ad interessare le seguenti tematiche:
STORIA E PRINCIPI FONDAMENTALI DELL’INTEGRAZIONE EUROPEA
LE ISTITUZIONI E I TRATTATI
LA COSTITUZIONE EUROPEA E IL FUTURO DELL’UNIONE
ALLARGAMENTO E POLITICHE DI PROSSIMITÀ
L’EURO E LE POLITICHE DELL’UNIONE
L’EUROPA E I GIOVANI.
Contatti organizzativi di RUE con le istituzioni formative: beneficiari diretti delle azioni informative saranno focus group di giovani delle scuole superiori della Regione.

Comments Commenti disabilitati



“I Love EU” è un giornale on line registrato dal Tribunale di Udine in data 2/9/06 n. 36/06.
Direttore responsabile Massimo De Liva. Realizzato da R.U.E. Risorse Umane Europa