Posts Tagged “confine”

 

I GIOVANI E GLI ADULTI DELLA REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA

INCONTRANO L’EUROREGIONE E IL G.E.C.T. NELLA NUOVA

EUROPA : STUDI DI CASO PER COMUNICARE E INFORMARE

 

Euroregione

L’Euroregione ha l’obiettivo di coordinare ed estendere le forme di collaborazione della Regione Friuli Venezia Giulia  con Veneto, Carinzia, Slovenia, Contea litoraneo montana (Croazia) e Contea istriana (Croazia), rafforzando così la coesione e la competitività territoriale

 

Nel confermare la piena disponibilità di RUE alla collaborazione ad alla partecipazione agli interventi che saranno messi in atto dalla Sua  Associazione /Ente, desideriamo informarLa  sulle linee guida del piano di informazione che  RUE attuerà  nel 2009.

Richiamandosi  ad un approccio  “ bottom – up ” le azioni informative di RUE  sono a programmazione partecipata, mediante focus group di osservazione e di riflessione ed il coinvolgimento di giovani in età 17 – 29 anni.

Per entrare in relazione con le risorse  sociali, economiche e culturali coinvolte nelle trasformazioni e nelle ristrutturazioni  in atto RUE vuole condividere con Associazioni/Enti quattro studi di caso , pensati come seminari  legati insieme da un unico filo conduttore:

 

STUDIO DI CASO                                               LUOGO

 

1.    L’Euroregione delle genti           GORIZIA – Giugno 2009

2.    L’Euroregione dei territori         MONTE DEI TRE CONFINI – Settembre 2009

3.    L’Euroregione delle idee            TRIESTE (Videoconferenza) – Ottobre 2009

4.    L’Euroregione delle eccellenze      PORDENONE – Novembre 2009

 

Nello specifico, più in dettaglio:

 

1. EUROREGIONE DELLE GENTI: si intende comunicare, valorizzandolo, le ricchezze delle diversità che compongono questi territori. Il capitale umano che ne deriva è prezioso e da preservare. Genti vuol dire per forza anche culture, tradizioni, sogni di popoli diversi, popoli di confine, popoli abituati agli incontri e ai confronti; rispettare queste culture vuol dire anche preservarle, valorizzare, investirle di dignità.

 

2. EUROREGIONE DEI TERRITORI: si intende comunicare la bellezza e la diversità dei territori naturalistici e paesaggistici. Territorio non è solo “bellezza e panorami” ma anche e soprattutto potenzialità. Come viene sfruttato e preservato questo territorio? Quali ricchezze? Quale esempio di sostenibilità? Cosa conoscono i giovani di ciò che c’è attorno?

 

3. EUROREGIONE DELLE IDEE: cosa bolle in pentola sul comune territorio? Quali le idee, i progetti? Come aiutano le amministrazioni il proliferare di idee? Quali opportunità per i giovani?

 

4. EUROREGIONE DELLE ECCELLENZE: esempi di come le potenzialità dei territori in esame (genti, luoghi, idee, culture) hanno generato progetti di eccellenza, innovativi, buone pratiche da riportare anche in altri luoghi. In particolare, vorremmo avvicinarci al Gruppo Europeo di Cooperazione Territoriale – G.E.C.T., strumento giuridico europeo che consente ad autorità territoriali appartenenti a Stati diversi di istituire gruppi di cooperazione con personalità giuridica. È stato introdotto il 5 luglio 2006 dal regolamento (CE) n. 1082/2006 del Parlamento europeo e del Consiglio.

 

Un seminario di studio conclusivo “ Euroregione e importanza della Regione Friuli Venezia Giulia come cerniera tra territori che si stanno integrando” – C.I.D.Museo Territoriale della Bassa Friulana - TORVISCOSA , Dicembre 2009

 

All’interno lancio di:

  1. un concorso di idee dal titolo ” I giovani del Friuli Venezia Giulia incontrano l’ Eurore gione nella nuova Europa ” per le classi, gruppi interclassi o interscuole degli istituti superiori della Regione ( CD –ROM);
  2. un premio di laurea sul tema “Comunicare la nuova Europa e l’Euroregione ai giovani” in collaborazione con le Università del territorio regionale

 

Vi invitiamo a prendere visione delle attività di RUE,  on – line : 

-           sito web www.risorseumaneuropa.org , pubblicazione dei materiali di sintesi delle attività di ricerca, formazione e informazione coordinate da RUE – vedi newsletter  I LOVE EU “

-           sito web www.eclab.eu , pubblicazione periodica dei materiali della ricerca sull’ identità delle imprese nell’Euroregione “Adria-Alp” 

 

ed a contattarci mediante  rue@quipo.it  con suggerimenti, indicazioni, proposte.

 

RUE – Risorse Umane Europea, via G.Giusti  n.5, 33100 Udine; tel/fax 0432.227547

Comments Commenti disabilitati

La parola UKRAINA significa “zona di confine” il tradizione incrocio tra l’Europa e l’Asia . Confina con la Russia ,con la Bielorussia, con la Polonia , la Slovacchia ,l’Ungheria, la Romania e la Moldavia e con vaste aree del Mar Nero.
La Rivoluzione arancione fu costituita da una serie di proteste pacifiche che spinsero il governo all’annullamento delle elezione del 21 novembre 2004 .La corte suprema dell’Ucraina ordinò la ripetizione delle elezione il 26 dicembre 2004 e di investigare sui casi di frode elettorale. Juscenko fu quindi dichiarato vincitore il 10 gennaio 2005, dopo il fallimento di un’azione legale intentata da Janukovyc.
Il nuovo presidente si insediò il 23 gennaio 2005.
La politica dell’Ucraina si svolge in una repubblica democratica semi presidenziale , con sistema multipartitico. Il potere esecutivo è esercitato dal governo , mentre il potere legislativo dal Parlamento (Verkhovna Rada).
Il presidente viene eletto con voto popolare per un mandato di cinque anni. Il Presidente nomina il Primo Ministro , che deve essere confermato dal Parlamento. La Verkhovna Rada (Parlamento dell’Ucraina) conta 450 membri, eletti ogni cinque anni.
A partire dalla elezione del 2006 tutti i 450 membri della Verkhovna Rada sono eletti con il sistema proporzionale. Il Parlamento dà vita alla leggi, ratifica trattati e approva i bilanci.
L’Ucraina conta un gran numero di partiti politici, molti di piccole dimensioni. I piccoli partiti si uniscono di solito in coalizioni multipartitiche (blocchi elettorali) con lo scopo di partecipale alle elezioni parlamentari.
Negli ultimi anni l’Ucraina ha attuato cambiamenti che hanno permesso una rapida crescita economica. Particolarmente dinamici sono stati i comparti del commercio, trasporti,edilizia e costruzione e, nel’ industria il settore cartiero, settore dell’acciaio.
La crescita della produzione industriale nel 2007 è stata del 10,2% ; nel corso del primo semestre 2008 , l’economia dell’Ucraina ha conosciuto una crescita del PIL del 6,3%. Il settori industriali trainati dell’economia ucraina sono stati quelli: metallurgica, carbosiderurgico, chimica, settore dell’acciaio.
Le regioni produttrici di carbone nel Donbass,sono state più colpite dal collasso economico del paese, perche le miniere sono state costrette a chiudere in seguito al taglio del sussidi ed al minore costo delle importazioni.
La ristrutturazione comunque, è stata ostacolata dagli interessi costituiti sia burocratici che economici, contrari e modificare il sistema di pianificazione centrale.
La maggiori difficoltà che l’Ucraina si trova a fronteggiare restano legate al completamento del processo di privatizzazione e ristrutturazione del settore industriale,delle dimensioni del deficit pubblico e alla dipendenza del paese dalla fonti energetiche esterne.
Anche la privatizzazione e gli investimenti esteri hanno avuto un andamento molto lento rispetto al altri paesi ex-comunisti.
La relazioni economico-commerciali tra Italia ed Ucraina si sono intensificate soprattutto negli ultimi anni .Nel periodo 2001-2007 l’interscambio tra due paesi è cresciuto ad un tasso medio annuo del 26%, attestandosi nel 2007 sui 4,4 miliardi di euro. In Ucraina sono attive inoltre circa 380 aziende italiane, di cui circa 100 con una presenza consolidata.

Comments Commenti disabilitati

Sono disponibili le slide del convegno: “EUROREGIONE: GIOVANI, INFORMAZIONE ED IDENTITA’ ECONOMICA NELLA NUOVA EUROPA.”

Museo Territoriale Bassa Friulana , Torviscosa, 19 dicembre 2008

Intervento introduttivo dott. Giuseppe Napoli, Regione autonoma Friuli Venezia Giulia , Presidenza della Giunta, Direttore Relazioni internazionali e comunitarie

Relazioni e comunicazioni di Mario Canciani, Massimo De Liva, Zaira Vidali e Norina Bogatec, Enrico Maria Milic, Aldo Durì, Orsolina Valeri

Comments Commenti disabilitati

Fondi Strutturali 2007-2013 Obiettivo 3 “Cooperazione territoriale europea 2007 – 2013 “.

Programma Operativo per il sostegno alla collaborazione per le zone di confine fra Italia e Austria (CCI 2007VB63PO052).

INTERREG IV ITALIA AUSTRIA

Sei Regioni – un obiettivo :
Regione autonoma FVG, Regione Veneto, Provincia autonoma di Bolzano, Lander Carinzia, Salisburgo, Tirolo.

Il Programma Operativo renderà disponibili alcuni bandi ( il primo, scade il 30 aprile 2008 ) sugli obiettivi specifici:

- OBIETTIVO SPECIFICO PRIORITA’ 1: RELAZIONI ECONOMICHE, COMPETITIVITA’ , DIVERSIFICAZIONE.
LINEA DI INTERVENTO STRATEGICA n. 4 : “RISORSE UMANE E MERCATO
DEL LAVORO”.

- OBIETTIVO SPECIFICO PRIORITA’ n.2 : TERRITORIO E SOSTENIBILITA’. LINEA DI INTERVENTO STRATEGICA n.6 : “CULTURA, SANITA’ E AFFARI SOCIALI”.

RUE – Risorse Umane Europa è interessata ad acquisire partnership per la priorità n°2, vedi proposta progettuale allegata in fondo.

Idea progettuale(documento WORD)

Ulteriori informazioni progetto (documento WORD)

Comments Commenti disabilitati



“I Love EU” è un giornale on line registrato dal Tribunale di Udine in data 2/9/06 n. 36/06.
Direttore responsabile Massimo De Liva. Realizzato da R.U.E. Risorse Umane Europa